Notizie & Eventi

“[…] pensai che si trattasse di cose troppo difficili. Ma non ci misi molto a capire che le quattro operazioni erano già nella mia vita”: parla così uno dei personaggi del racconto 10 + il genio sei tu di Anna Cerasoli, nota autrice di libri per bambini e ragazzi “a sfondo matematico”.
Queste parole accompagnano la dimostrazione di quanto sia facile muoversi lungo la linea dei numeri, compiendo passi o salti a seconda che si stia eseguendo un’operazione piuttosto che un’altra.

La lettura di questo libro si è rivelata un valido aiuto per l’insegnamento della matematica nella scuola primaria, in quanto affronta la “difficoltà” del fare matematica in modo giocoso, attraverso indovinelli ed esempi che possono essere ripetuti dagli alunni stessi. Si mette quindi “in moto il cervello”, si ragiona su piccoli problemi di routine quotidiana, si applica la matematica a cose conosciute. La matematica fa meno paura. I bambini sono rapiti dalla storia, sono divertiti, accettano di buon grado le piccole sfide che vengono proposte e così imparano.

La proposta di una lezione di matematica basata sulla lettura può essere seguita dalla dimostrazione fatta dagli alunni stessi, che così imparano attraverso la mimesis in modo più diretto.  I protagonisti del libro sono asini, aiutati da una gallina, notoriamente animali considerati poco intelligenti. In questo modo si sfata anche un altro mito: tutti possono essere bravi in matematica, basta capire quale sia il percorso  migliore per le proprie capacità.  Attraverso la lettura gli alunni si pongono in modo diverso, più propositivo, nei confronti di una materia che è sempre rimasta imbrigliata in una didattica settoriale, poco incline a sperimentare nuove modalità.

Nel testo è presente una sezione “…e ora provaci tu”, in cui vengono proposti piccoli problemi da risolvere. Si riferiscono sempre ad alcune parti che erano state trattate nel testi, quindi i bambini possono facilmente ricordare  il ragionamento che avevano fatto poco prima.

Anna Cerasoli è autrice di altri libri che hanno come argomento principale la matematica, tra cui ricordiamo I magnifici dieci, La sorpresa dei numeri, Mr. Quadrato e Sono il numero 1.
In un’intervista avuta con Mario Comoglio (di cui trovate il testo integrale qui) l’autrice afferma:
“ Sì, credo che un buon insegnante dovrebbe essere prima di tutto un buon divulgatore: in questo modo riuscirebbe a raggiungere l’enorme numero di studenti che non diventeranno dottori in matematica (gli iscritti a Matematica sono, quest’anno, soltanto 1880). Poi, una volta appassionata la classe, avrebbe gioco facile a trasmettere la parte puramente discipli
nare, il rigore del pensiero matematico, a quei rari studenti che approfondiranno la materia.”

E buona matematica a tutti!