MATEMATICA PER TUTTI

MATEMATICA PER TUTTI

Il Con-corso nazionale Matematica per tutti è organizzato da CreativaMente ToKalon, un progetto nato dall’incontro dell’azienda di giochi da tavolo CreativaMente con l’Associazione ToKalon, ente accreditato dal MIUR per la formazione del personale docente dall’as. 2019-2020. CreativaMente fornisce il materiale e l’esperienza pluriennale relativa ai giochi da tavolo; ToKalon mette a disposizione il proprio team di docenti in qualità di formatori e responsabili delle diverse attività.

Matematica per tutti è anzitutto una proposta didattica che un docente può sperimentare con l’intera classe. È poi un con-corso nazionale rivolto – nelle prime due edizioni – agli studenti della scuola primaria (III, IV e V anno), della scuola secondaria di primo grado e della scuola secondaria di secondo grado (I, II e III anno). Le classi hanno partecipato lavorando in squadre composte da 3 o 4 studenti.

Per l’a.s. 2020-2021 si è pensata una Special Edition: una proposta didattica che un docente può sperimentare con l’intera classe rispettando tutte le norme di sicurezza e per il distanziamento che quest’anno la scuola prevede. La proposta è rivolta ai docenti e agli studenti della scuola primaria (II, III, IV e V anno) e della scuola secondaria di primo grado. Possono comunque partecipare docenti con classi diverse da quelle suggerite.

La proposta è:
– un’opportunità per gli studenti di scoprire la dimensione esperienziale della matematica attraverso il gioco
– un’opportunità per i docenti di aggiornamento e confronto sulle metodologie didattiche.

Per quest’anno speciale tutti i docenti partecipanti hanno la possibilità di usufruire di una proposta formativa specifica, presente sulla piattaforma SOFIA nel catalogo MIUR. La formazione sarà erogata attraverso videolezioni in diretta e differita streaming sui contenuti seguenti:

  • il valore didattico dei giochi e dei quesiti a essi ispirati
  • attività svolte in classe e a distanza nei diversi livelli scolastici
  • riflessioni sui temi matematici proposti nel Con-corso- Special Edition

 

VISITA IL SITO DEDICATO

www.matematicapertutti.it

DIRETTORE DEL CONCORSO

Luigi Regoliosi
Presidente Associazione ToKalon
Direttore Scientifico CreativaMente ToKalon

COORDINAMENTO DIDATTICO:

Maria Cristina Migliucci
VicePresidente Associazione ToKalon

PRESIDENTE COMITATO DIDATTICO-SCIENTIFICO:

Ana Millán Gasca
Professore ordinario di Matematiche complementari (Univ. Roma Tre)

COMITATO DIDATTICO-SCIENTIFICO:

Francesca Calabrese, Giovanni Casa, Grazia Cotroni, Doriana Fabiani, Luca Fortunati, Loredana Francavilla, Stefania Galizia, Anna Mazzitelli, Matteo Molinari, Giovanna Mora, Benedetta Pacini, Ivan Prado Longhi, Tiziano Raponi, Sara Rutigliano, Cecilia Sartini, Daniele Scopetti.
Luca Biasco (Università Roma Tre)
Corrado Falcolini (Università Roma Tre)
Valentina Celi (ESPE d’Aquitaine, Université de Bordeaux)
Emanuele Pessi (Fondatore e CEO CreativaMente)

Sono passati alcuni mesi dal nostro ultimo articolo per il blog, non vogliamo neanche provare a riassumervi quanto accaduto in questo tempo ma ci limitiamo a dirvi che è stata una BELLISSIMA FATICA tra corsi di formazione, interventi a seminari e convegni, ultimi mesi di scuola, laboratorio di matematica per il corso di abilitazione sul Sostegno, esami di stato di secondaria di primo e secondo grado, corsi di recupero, un incontro estivo con 150 bambini dai 9 anni in su, ma soprattutto la preparazione di un’iniziativa a cui teniamo tantissimo: il con-corso Matematica per tutti

Abbiamo letto molti post su Facebook in merito al lavoro dell’insegnante: troppa burocrazia, altro che mestiere più bello del mondo, ecc… Vogliamo essere un po’ campanilisti e gridare a gran voce: “INSEGNARE MATEMATICA È IL LAVORO PIU’ BELLO DEL MONDO!!!”

Fortunatamente abbiamo incontrato anche molta gente che la pensa e la vive così, ma, come dice il famoso proverbio, tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare!

Ebbene è proprio in questo MARE in cui abbiamo voluto immergerci lanciando questa nuova proposta che anzitutto vuole essere un’occasione perché il docente lavori in un certo modo in classe con i suoi studenti e solo, in secondo luogo, un con-corso. Sì, un con-corso, perché la prima vittoria è il con-correre, nei suoi molteplici significati di correre insieme, cooperare, partecipare con altri a un’azione comune, andare tutti insieme in un medesimo luogo, convergere, incontrarsi, naturalmente ATTRAVERSO LA MATEMATICA!

Vorremmo provare a condividere con voi alcune riflessioni alla luce delle esperienze recenti e delle nostre storie personali.

  • Il bello della matematica consiste anche nello sforzo necessario per apprenderla/comprenderla, come una bella – e faticosa – passeggiata in montagna! Il critico letterario Steiner affermava che “Nessun esercizio umano è più ricco di costruzione della matematica pura”: esercizio umano vuol dire che è richiesto il MIO impegno, la MIA fatica! A volte nella didattica scolastica manca l’aspetto della sfida personale e un problema diventa difficilmente un nostro problema come affermava il nostro “amico” Polya

Un ingrediente essenziale del problema è il desiderio, la volontà e la decisione di risolverlo. Un problema diventa il vostro problema, lo possedete veramente, quando decidete di farlo, quando desiderate risolverlo.

  • Non dovremmo mai dimenticare il valore del momento ludico nel processo dell’apprendimento, come affermava nel 1899 Giovanni Vailati

non si dovrebbe temere di sminuire la dignità della scienza matematica col presentarla nella scuola sotto forme meno aride che sia possibile, ricorrendo anche, se occorre, a problemi divertenti e atti a stimolare la curiosità, non che a giuochi, come del resto consigliava già Platone (nelle Leggi) una ventina di secoli prima di Froebel.

  • “Sbagliando s’impara” diceva un proverbio e vorremmo insegnarlo ai nostri studenti! Altro che attenzione sul risultato, vogliamo scoprire/rischiare la varietà di strade giuste o sbagliate che cercano di arrivare alla meta! Nessuno dirà mai che andare da Roma a Milano passando da Genova è uguale a prendere il treno diretto che passa per Bologna, ma neanche si può affermare che passare da Genova sia stato inutile: il confronto tra le diverse strade percorse, tra i diversi tempi impiegati, permette a tutti gli studenti di comprendere la bellezza del treno diretto che impiega solo 3 ore per arrivare alla meta. Di recente in uno dei nostri corsi osservavamo che magari passando per Genova era possibile scoprire cose interessanti e addirittura decidere di fermarsi a Genova! È più importante, almeno all’inizio, imparare a salire sul treno piuttosto che preoccuparsi di andare nella giusta direzione (pensate a quanti nostri allievi si fermano sulla banchina della stazione, osservano immobili i treni partire… completate pure voi l’immagine con la vostra personale esperienza!)
  • Nei nostri corsi e con-corsi vogliamo offrire una visione “umanistica” della matematica come parte della cultura, considerandola un’opportunità straordinaria che non crea barriere, bensì apre orizzonti e costruisce ponti. All’inizio del ciclo di istruzione la matematica agevola l’“entrare nel mondo”, perché insieme alla lettura e alla scrittura introduce al pensiero simbolico e perché la conoscenza dei numeri e delle forme fornisce molte chiavi di comprensione della vita pratica. Nel contempo, la matematica desta la meraviglia e arricchisce la vita interiore, per tanti motivi: perché i concetti astratti della matematica offrono la prima opportunità di esercitare un’autonomia sul piano intellettuale; perché il pensiero matematico è dialogo; perché l’errore in matematica è ciò che apre la strada alla verità.

Tokalon Matematica è nata anche a partire da una mail scritta ad un illustre professore universitario al quale alcuni di noi chiedevano un intervento sulla natura della matematica e del suo oggetto, aggiungendo di non sapere nulla e non avere alcuna idea dell’argomento ed associando alla proposta il progetto di fare una mostra. In una mail – che ancora conserviamo – il professore ci rispose in conclusione: Studiate, studiate e studiate, riflettete e pensate, GRATIS, prima di pretendere di spiegare e “mostrare” agli altri. Quello viene dopo, quando sarete certi di aver qualcosa da dire che valga.

Abbiamo studiato e studiato, riflettuto e pensato e il 6 ottobre presenteremo ufficialmente a Roma presso il parco a tema Cinecittà World il con-corso nazionale Matematica per tutti, del quale trovate i primi dettagli sul sito matematicapertutti.it e sull’omonima pagina Facebook. La presentazione del con-corso non sarà condizione necessaria per partecipare all’iniziativa, ma rimane un’occasione che, insieme a Cinecittà World, abbiamo pensato di offrire per i docenti interessati almeno del Lazio e dintorni. Il momento a noi dedicato sarà comunque visibile anche in diretta Facebook e YouTube in modalità che verranno indicate attraverso i canali suddetti.

Buona Matematica PER tutti!

P.s.: inseriamo qui un’immagine realizzata da un nostro amico artista e docente di discipline pittoriche, Alberto Montorfano L’intenzione è quella di rappresentare la Matematica come una stanza con pareti infinite e senza un soffitto. Una stanza con pareti infinite senza soffitto è, infatti, anche la nostra immagine della disciplina più bella del mondo. Lasciamo a voi l’interpretazione!

Lascia un commento